Premiati gli alunni per il Concorso San Crispino

da Giu 10, 2019News0 commenti

Giunto alla VII edizione, il concorso ha visto coinvolti ben 127 alunni delle classi quinte (A.t.p. B, C, D, E, F,) che hanno presentato, giovedì 5 giugno sul palco del Teatro dell’Unione, “Poesia e Musica”.

La poesia in dialetto, nasce con lo spirito di valorizzare maggiormente la figura di un Santo viterbese, vissuto tra gli ambienti semplici della Viterbo popolare.            

Hanno recitato gli alunni delle classi 5 A, seguiti dall’ins. Zadro Maria; gli alunni delle classi 5 B e 5 E guidati dall’ins. Anna Maria Stefanini.

Gli intervalli musicali, sono stati eseguiti con il suono del flauto dolce dagli alunni delle classi 5 D e 5 F guidati dall’ins. Emanuela Sassara e dalle voci degli alunni della classe 5 C accompagnati alla chitarra dall’ins. Andrea Marino. Un bel connubio che ha emozionato tutti i presenti in platea e che ha prodotto una pioggia di premi:

  • Primo premio poesia: “Passeggiando per Veterbo” VA
  • Secondo premio poesia:” La vita” VE
  • Terzo premio poesia: “Amore e Bontà” e “‘l mejo amico “VB
  • Premio giuria: “Vagabondo “di Simone Tartaglia VA
  • Secondo premio, per i migliori elaborati del premio letterario: Sara del Papa V B
  • Quarto premio: Andrea di Melchiorre VB
  • Premio speciale della giuria per le migliori lettere: Sofia Ercolani e Aurora Bernabucci della VE
  • Miglior disegno di copertina: VE e VB, realizzato da Eva Frateiacci, Claudia Quondam, Giulia Scotto V E.

Complimenti a tutti i vincitori e i partecipanti.

(Articolo e foto inviati da Maria Zadro)

LE POESIE

  • “L A    V I T A “

La vita c’adè?

‘Na scarupata d’anne senza scampo, ‘na salita,

ma a dà ‘n senso a sta nostra vita

c’adè l’amore, c’adè la bontà

che San Crispino nostro, co’ la su umirtà,

carzolaro e poi frate,

c’ha ‘mostrato tempo fa ma ste strade.

Aprimo ‘l core a la carità, a la spiranza,

a la solidarietà.

Quando propio non je la cavi più

aricorda che San Crispino millassù

te guarda e non te lassa mae,

te dà curaggio pure se c’hai le guae;

te dà ne mano e ‘l non ho sarà ppiù bbello

se pure tu dai ‘na mano a ‘l tu fratello.

Classe V E  “S. CANEVARI” Ins. Anna Maria Stefanini

  • “ ‘L MEJO AMICO “

‘L mejo amico adè quello che t’aspetta,

che te sta vicino quanno c’hai bisomnio 

te arisponne subbito e te pare ‘n somnio 

che lo chiami e lue te dà subbito retta.

‘L mejo amico pe me adè San Crispino 

quil carzolaro poveretto 

che aggiutava tutti e co’ diletto

me lo immaggino ancò miqquì vicino.

Classe V B “S. CANEVARI” Ins. Anna Maria Stefanini

  • “AMORE E BONTÀ “

Ne li cassetti dell’anima ho trovato

tanto amore che s’adera rintanato. 

L’ho operti e piano l’ho portato 

a le porette che c’evano sperato.

Come San Crispino benedetto

tenemo sempre operto quil cassetto

perchè solo dando amore e bontà

potemo fa ancò ppiù bbella sta città.

Classe V B  “S. CANEVARI” Ins.Anna Maria Stefanini

  • PASSEGGIANDO PER  VETERBO

Oggi è una bella giornata di sole

“volemo anna a fa na passeggiata ? “

Dissi a la mi ma che steva a lavà le piatte…

O giramo tonno tonno per le mura

O entramo porta Romana

E tiramo giù per il comune

Facemo il giro drento, così annamo anche pel Corso

Ce fermamo a pià  du mèmme da Bizzarri ,

Arrivamo al teatro e poi ridamo addietro.

Vetèrbo ad’è la maggia fatta perzòna

perché quànno cammini mùro mùro pì li vicule

pare de turnà al temp’arrèto.

Mentre passevemo per via dei Mille

Appiccata mal muro de na casa

Vidi ‘n emmàggene  

“Cadene a ma “ je chiesi….

Fijarella mia , quello è un  Sant’omo.

“ E cad’è un Sant’omo?”

E’ n’omo …che amava tutta la gente…diceva bene de tutti e faceva bene man tutti.

 Annava in giro pel paese

a reccoje il dà maggnà pe la povera gente.

Se chiama San Crispino !

La mi nonna, che abitava jò a Piascarano, me riccontava sempre  la storia de sto fraticello e…lo sai che me diceva:

“Dà rrètta, appinzutà l’urècchie, ricordàmese stè parulìne:  ” amar tutti, dir bene di tutti e far bene a tutti”

“Belle parulìne a ma…dumattìna  le dico ma la maestra, così ce scrivemo na bella povesìa”… quella, ce fa scriva na sacchètta  de cose!”

OH ma, ma Veterbo, è na bbèlla cittadina, cò ‘nà màssa dè cristiàni gajjàrdi. 

CLASSE 5 A t.p. “S.Canevari” Ins. Zadro Maria

logoISTITUTO COMPRENSIVO CANEVARI - VITERBO

Ufficio Relazioni Pubblico

Via C. Cattaneo, 5/7 - 01100 Viterbo
Tel.: +39 0761 308111 - 322350
mail: VTIC833009@istruzione.it
PEC: VTIC833009@pec.istruzione.it
Codice meccanografico: VTIC833009
Codice fiscale: 80024060560
Fatturazione elettronica: UFDCA3

© 2018 Argo Software - Portale realizzato con la piattaforma Argo Web - Template Italia configurato sul tema accessibile EduTheme V.2.1.0 (Lake)